Bambini e Ragazzi · Collaborazioni

Collaborazione // Recensioni – Note di Viola & Nopperaboo!

Buongiorno lettori!

Oggi vi porto una doppia recensione di due titoli che mi sono stati gentilmente inviati dalla casa editrice indipendente Bakemono Lab. Ho deciso di scrivere due recensioni in un articolo unico perché si tratta di due fiabe brevi e illustrate, che presentano quindi caratteristiche simili e sarebbero risultate recensioni troppo brevi se portate da sole.

Vi ricordo che se voleste acquistare questi due titoli, li potete trovare facilmente sul catalogo della casa editrice.

Detto questo vi invito a continuare la lettura se volete conoscere il mio parere su due storie per grandi e piccini, perfette per questa stagione.

Un Libro, Una Tazza Di The

NOTE DI VIOLA

di Varla del Rio, Claudia Ducalia e Alice Pelle

Viola_copertina_per_web-445x666.png

  • Cartonato Grande: 50 pagine
  • Collana: Illustrati Deluxe
  • Lingua: Italiano e Francese/Inglese
  • Genere: Narrativa illustrata
  • Prezzo di Copertina: 16,00 euro

TRAMA: “Viola ha sempre la chiave giusta per entrare nel cuore degli altri”. Viola vive nel bosco, in una casa piena di animali.
Suona tanti strumenti e grazie alla musica entra in contatto con la natura che la circonda e con il cuore delle persone che sanno ascoltare.
Il suo mondo è magico, pieno di immagini e di melodie suggestive.
Non siete curiosi di conoscerla?

“Note di Viola” è una favola bilingue, scritta da Varla Del Rio e illustrata da Claudia Ducalia. La musica è stata composta da Alice Pelle, gli spartiti sono presenti nel libro e potete ascoltare i brani grazie al codice Qrl. Il volume è disponibile solo in formato cartaceo, in lingua inglese e francese.

 

Recensione

Note di Viola è una favola breve e molto delicata. Nelle poche pagine impariamo a conoscere Viola, una ragazzina particolare che ama vivere in simbiosi con la natura e con la musica. Viola sa esprimersi tramite note, non importa quale sia lo strumento. I suoi stati d’animo sono rappresentati da spartiti e melodie. Viola sa sempre come fare breccia nel cuore delle persone, sa che con la musica si possono toccare gli animi in profondità.

IMG_9302

È una favola ben scritta, dai toni fiabeschi. Risulta però davvero troppo breve per essere apprezzata a fondo, purtroppo il testo scritto è molto stringato. C’è da dire che la mancanza di una storia più elaborata viene in parte compensata dalle magnifiche illustrazioni di Claudia Ducalia. Sono sempre tavole a pagina intera, o addirittura in due pagine affiancate e riescono a rappresentare l’idea che sta dietro il racconto con grande bravura.

 

Un’altra nota positiva di questo libro illustrato è sicuramente quello di essere scritto in due lingue. Da una parte abbiamo l’italiano, ma se viene capovolto possiamo leggerlo – a scelta – in inglese o in francese. Perciò se siete alle primissime armi con una di queste due lingue, o se conoscete magari bambini o ragazzi più giovani che si sono approcciati da poco a loro, potrebbe essere un’ottimo punto di partenza per buttarsi nella complessa avventura di imparare una lingua nuova. Il punto di forza sta nel fatto che si possono confrontare le due versioni, quindi non vi è bisogno di un dizionario se si hanno dei dubbi riguardo alcune parole.

Ve lo consiglio quindi se avete questo tipo di esigenza, o se vi affascinano in particolar modo le illustrazioni. La storia in sé purtroppo non mi ha convinta a pieno, l’ho trovata davvero troppo striminzita e poco elaborata per i miei gusti. Rimane un titolo a mio parere adatto a questa stagione.

VOTO: 6,5 / 10


 

NOPPERABOO!

[ATTUALMENTE IN RISTAMPA]

di Valerio la Martire

illustrazioni di Nicola Sammarco

nopperaboo2-367x666

  • Copertina flessibile: 50 pagine
  • Collana: Illustrati Classic
  • Genere: Narrativa per ragazzi

TRAMA: “Il lontano paese di Edo era infestato da una fantasmessa bambina di nome Keiko. La leggenda narra che la prima Nopperaboo, la bis bis, bis bis nonna di Keiko,
una fantasmessa incatenata, perse la bocca, il naso e anche gli occhi perché era una tipa molto pulita; ogni mattina si lavava la faccia anche tre volte di fila e un giorno il volto le venne via con un’insaponata un po’ troppo decisa. La bis bis, bis bis nonna di Keiko vide i propri occhi, il naso e la bocca scivolare via con l’acqua giù dentro il lavandino. Ma non se ne preoccupò affatto. Al contrario pensò a quanto sarebbe stata più spaventosa
senza il volto e si rallegrò molto. Così nacque la tradizione dei Nopperaboo!” Keiko gira il mondo per apprendere l’arte dello spavento. Riuscirà ad eguagliare il record della sua bis bis bis bis nonna?

Recensione

Questa favola illustrata per bambini mi ha piacevolmente intrattenuta, superando le aspettative che mi ero creata dopo aver letto Note di Viola. Temevo che anche questa storia fosse troppo breve, invece considerando il target di lettura è una fiaba molto carina e divertente.

La protagonista è Keiko, una giovane fantasmessa che vive nel lontano paese di Edo in Cina. Keiko ama essere uno spaventoso fantasma ed è contenta di poter portare avanti la tradizione dei Nopperaboo!, partita dai suoi antenati. Keiko infatti ha perso ogni fisionomia del viso e così riesce a terrorizzare gli abitanti del suo paesino, famoso per la vendita di prugne in salamoia. Dopo qualche tempo però, gli abitanti di Edo cominciano ad essere abituati e quasi affezionati alla presenza di Keiko. Frustrata perché non riesce più a spaventare nessuno, la fantasmina deciderà di compiere un viaggio in diversi paesi del mondo per conoscere i mostri più temuti e le loro tecniche segrete di spavento.

Con un pizzico di ironia, questa favola mi ha saputo regalare un piacevole pomeriggio.

IMG_9304

Ho trovato interessante il viaggio che Kieko compie, perché veniamo alla scoperta di mostri folkloristici realmente presenti in diverse culture, come i Mamuthones  o il fantasma di Canterville. È un modo divertente per far scoprire ai più giovani aspetti diversi di paesi lontani da noi, stimolandoli ad aprirsi verso culture nuove e antiche tradizioni.

Le illustrazioni a opera di Nicola Sammarco sono deliziose. Seppur tante tavole presentino colori scuri come il blu notte o il viola, risultano sempre molto colorate e accattivanti per il lettore. Anche gli stati d’animo di Keiko sono ben rappresentati, nonostante lei non presenti caratteristiche facciali e quindi sia più difficile attribuirle un’emozione. In particolare ho amato i contrasti nelle tavole ambientate di notte, dove vi è la presenza di luci o lanterne che si stagliano sul disegno creando una perfetta atmosfera.

Anche questa favola, come la precedente, è bilingue. Il retro presenta il testo del racconto in cinese. Molto utile anche in questo caso per chi ha già una base di cinese e vuole addentrarsi in una lettura facile, seppur so bene essere la lingua cinese molto difficile. Può essere un ottimo allenamento per ampliare il proprio vocabolario e mettersi alla prova.

Anche questo ve lo consiglio per la stagione, in particolare come lettura per Halloween. Tra vampiri, fantasmi e spiriti non ci si può sbagliare!

VOTO: 7,5 / 10

Un Libro, Una Tazza Di The

Eccoci giunti alla fine. Spero che questa doppia recensione vi sia piaciuta!

Fatemi sapere se vi ho incuriosito e se vi siete convinti a leggere uno di questi due titoli 🙂

Io nel frattempo vi auguro buone letture!

Un abbraccio e a presto

Un Libro, Una Tazza Di TheLuna Lovebook

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...