Gialli - Thriller - Horror · Recensioni

Recensione – La Psichiatra

Buongiorno lettori 🙂

Dopo molto tempo sono riuscita a leggere un thriller che mi faceva gola da questa estate, ovvero La Psichiatra di Wulf Dorn. Ne sentivo sempre parlare, la copertina era ovunque e pian piano mi si è intrufolato il pensiero di doverlo leggere anche io.

A lettura terminata ho deciso di scrivere qui una recensione per farvi sapere la mia opinione riguardo questo romanzo, quindi cominciamo!

Un Libro, Una Tazza Di The

ei0r3zg

  • Copertina flessibile: 406 pagine
  • Editore: T.E.A. TASCABILI EDITORI ASSOC; tea edizione (22 settembre 2011)
  • Collana: I grandi della TEA
  • Genere: Thriller
  • Prezzo in negozio: 12,00 euro

puoi acquistarlo su amazon –> qui

TRAMA: Lavorare in un ospedale psichiatrico è difficile. Ogni giorno la dottoressa Ellen Roth si scontra con un’umanità reietta, con la sofferenza più indicibile, con il buio della mente. Tuttavia, a questo caso non era preparata: la stanza numero 7 è satura di terrore, la paziente rannicchiata ai suoi piedi è stata picchiata, seviziata. È chiusa in se stessa, mugola parole senza senso. Dice che l’Uomo Nero la sta cercando. La sua voce è raccapricciante, è la voce di una bambina in un corpo di donna: le sussurra che adesso prenderà anche lei, Ellen, perché nessuno può sfuggire all’Uomo Nero. E quando il giorno dopo la paziente scompare dall’ospedale senza lasciare traccia, per Ellen incomincia l’incubo. Nessuno l’ha vista uscire, nessuno l’aveva vista entrare. Ellen la vuole rintracciare a tutti i costi ma viene coinvolta in un macabro gioco da cui non sa come uscire. Chi è quella donna? Cosa le è successo? E chi è veramente l’Uomo Nero? Ellen non può far altro che tentare di mettere insieme le tessere di un puzzle diabolico, mentre precipita in un abisso di violenza, paranoia e angoscia. Eppure sa che, alla fine, tutti i nodi verranno al pettine…

Recensione

Hush hush hush, here comes the Boogeyman…

Come ho detto all’inizio, qualche mese fa La Psichiatra era sulla bocca di tutti gli amanti del genere. Ne sentivo parlare a destra e a manca, ma essendo cresciuta a pane e Stephen King sono sempre scettica riguardo altri autori che trattano questi temi. Mi sono però sempre sentita dire che avevo di fronte un ottimo thriller dalle tinte macabre, come piace a me. Quindi, spinta dal giudizio positivo dei lettori, mi sono avventurata nella lettura di questo libro. Devo dire che all’inizio sono stata davvero perplessa. Lo stile di scrittura dell’autore non mi ha fatto impazzire. E’ spesso troppo semplice per i miei giusti e in alcuni punti cade un po’ nell’ingenuità. L’aspetto che mi ha convinto di meno è stato il riportare alcuni dei pensieri della protagonista nero su bianco, per me hanno reso la narrazione troppo artificiosa e a tratti banale.

Nel complesso la trama è abbastanza avvincente. Di cosa è capace davvero la nostra mente? Di chi è che dobbiamo avere paura?  Sono alcune delle domande che ricorrono nella nostra testa mentre accompagniamo Ellen nella ricerca della verità. Infatti il tema centrale è proprio la capacità che ha la nostra mente di condizionarci, plasmarci, ribaltare la nostra realtà. Devo dire che a metà del romanzo avevo già individuato dove Dorn sarebbe andato a parare. C’è di buono che si intuiscono solo gli aspetti generali, la storia nel dettaglio ci viene svelata alla fine, ed è stata la parte del libro che ho preferito di più. E’ senza censure, cruda e colpisce il lettore. Alla fine quindi mi sono un po’ ricreduta, non mi sento di bocciare il romanzo, seppure riveli la sua parte migliore solo verso la fine.

“A volte si riesce a ingannare se stessi tanto a lungo da credere perfino alle proprie invenzioni.”

Tirando le somme, consiglio questo thriller senza aspettarsi troppo dalla lettura. Può essere un buon mistero da ombrellone, che intrattiene senza troppe pretese. Tenterò con altri romanzi di Dorn, sperando di trovare uno stile di narrazione diverso da questo libro che, se fosse stato scritto con una prosa più ricca e adulta di sicuro avrebbe più colpito nel segno.

VOTO: stella1stella1stella1 e mezzo

Un Libro, Una Tazza Di The

Bene amici lettori, la recensione finisce qui! Spero vi sia stata di aiuto 🙂

Se avete letto il libro, parliamone nei commenti.

Se invece lo vorrete acquistare online, vi ricordo che se lo farete tramite il link diretto ad Amazon che trovate in questo articolo riceverò come Affiliata Amazon una piccola percentuale che mi permetterà nel corso del tempo di acquistare nuovi titoli da recensire per voi!

Vi mando un abbraccio e buone letture!

Un Libro, Una Tazza Di TheLuna Lovebook

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...